Assessment per la verifica dell’Accessibilità del sito web: un caso concreto

in

A settembre 2023, per far fronte alla normativa in materia di Accessibilità che estende a tutte le aziende l’obbligo di rendere i propri prodotti e servizi digitali Accessibili entro Giugno 2025, un’azienda dell’export alimentare italiano ci ha ingaggiato per condurre un Assessment volto a valutare l’Accessibilità del suo principale touchpoint digitale, il proprio sito web.

Anno: 2023 – in corso

Team di progetto: Lara Dal Monte – Project Manager Senior; Stefania Netti- Application Specialist; Gabriele Tozzi- Developer

Categoria Servizio: Digital Transformation

La situazione di partenza

L’azienda cliente in una fase iniziale non aveva consapevolezza dello stato di conformità dei propri touchpoint.

Con l’estendersi degli obblighi di Accessibilità a tutti i soggetti economici  è emersa la necessità per l’azienda di intraprendere una revisione dei processi di generazione e gestione dei proprio touchpoint generali con una forte attenzione ai temi di Accessibilità.

Per raggiungere l’obiettivo di un sito conforme ai criteri di Accessibilità, l’azienda nostra cliente si è rivolta a Gung per consolidare il processo di gestione del touchpoint in tale ottica.

Il primo passo è stato quello di mettere a disposizione del cliente tutta la documentazione necessaria per ottenere una panoramica sull’Accessibilità del proprio sito web. Per ogni errore rilevato abbiamo poi fornito una serie di suggerimenti che permettessero, prendendo come riferimento le linee guida WCAG 2.2, di rendere il sito compliant.

Vuoi garantire l’Accessibilità di tutti i touchpoint della tua azienda?

I risultati

Al momento dell’analisi, gli errori rilevati sul touchpoint erano numerosi e di varia natura, nello specifico:

  • Il 52% degli errori sono stati rilevati sulle pagine del sito web . La quota restante di errori è stata invece rilevata su documenti non web scaricabili dal sito (documenti in formato PDF).
  • Il 54% degli errori riguardava il principio “Percepibile” dei principi POUR.
  • L’88% degli errori riguardava il livello di conformità A.
  • L’83% degli errori riguardava impatti sul codice html del sito.

A seguito del nostro intervento l’azienda cliente ha acquisito consapevolezza sugli errori di Accessibilità presenti e ha potuto sia prevedere delle azioni correttive, volte a eliminare o mitigare le situazioni di inaccessibilità rilevate, sia prevedere una sensibilizzazione del personale dedicato alla creazione dei contenuti in modo da pubblicare nuovi contenuti accessibili.

Vuoi definire delle azioni correttive per rendere i tuoi touchpoint compliant?

Le attività svolte da Gung

L’Assessment sull’Accessibilità che abbiamo realizzato ha previsto una serie di attività volte a individuare le non conformità e i contenuti non accessibili del sito web, suggerendo le soluzioni da applicare per rendere il sito compliant.

Il progetto è stato sviluppato partendo dalla realizzazione di un Assessment completo volto a individuare i casi di inaccessibilità e le azioni correttive per farne fronte. Abbiamo proseguito con la definizione dei processi di verifica e controllo periodici per poi concludere fornendo un supporto nella fase di test a seguito delle normali procedure di change e upgrade dei diversi touchpoint.

Vediamo di seguito il nostro approccio più nel dettaglio:

Conduzione Assessment

La conduzione dell’Assessment ha previsto una navigazione strutturata del sito, organizzata in base a una checklist di controlli, che ha permesso di verificare la conformità del sito rispetto alle linee guida WCAG.

Per condurre l’Assessment gli step che ci hanno visto coinvolti sono i seguenti:

  • Definizione del campione. In questa fase è fondamentale definire quali saranno i contenuti/documenti oggetto di verifica. Parliamo anche di documenti perché è importante ricordare che la normativa richiede l’Accessibilità di contenuti web, ovvero rilevati sulle pagine del sito in questione ma anche non web ad esempio, rilevati su contenuti in formato PDF. Nel nostro caso, l’Assessment ha riguardato:
  • tutte le pagine del sito: pagine con contenuto editoriale e pagine di presentazione dei cataloghi
  • tutti i documenti non web: file PDF dei cataloghi

  • Indagine Quantitativa. Questo tipo di indagine è stata svolta per controlli specifici e ha previsto la scansione dei contenuti sia web che non web attraverso l’utilizzo di strumenti automatici di rilevazione delle non conformità. Un esempio è rappresentato dal Web AIM Contrast Checker. Abbiamo utilizzato questo strumento per valutare che i contenuti rispettassero il contrast ratio previsto dalle linee guida WCAG 2.2 che è pari a 4.5:1 per i contenuti testuali e 3:1 per quelli non testuali.
  • Indagine Qualitativa. Con questo tipo di indagine abbiamo invece proceduto alla navigazione manuale dei contenuti web del sito ricorrendo all’utilizzo di tecnologie assistive. La rilevazione si è basata sull’utilizzo di navigazione da tastiera e voice reader ed è stata effettuata su diversi device. Per alcune linee guida, è stata inoltre prevista una verifica puntuale del codice HTML che costituisce la pagina web.

Di seguito riportiamo un esempio estrapolato dalla documentazione consegnata al cliente. Dopo aver condotto un controllo minuzioso sul touchpoint e aver riportato tutti gli errori rilevati all’interno di un file excel, abbiamo consegnato al cliente una sintesi degli errori più frequenti rilevati sul sito oggetto di analisi. In questo caso specifico l’errore faceva riferimento alla linea guida WCAG 1.1.1 Contenuti non testuali.

Per ogni linea guida abbiamo definito il livello di conformità di riferimento, in questo caso il livello di conformità minimo che corrisponde al livello A. Successivamente, abbiamo riportato l’errore rilevato e la soluzione proposta. Questo processo si è ripetuto per ogni errore rilevato sul touchpoint del cliente.

Linea guida 1.1.1 Contenuti non testuali. Descrizione linea guida 1.1.1. Descrizione errore rilevato sul sito del cliente in relazione alla linea guida 1.1.1 e descrizione della soluzione proposta da Gung per far fronte all'errore rilevato sul sito del cliente.

 

Definizione processi di verifica e controllo

Una volta condotto l’Assessment, abbiamo consegnato all’azienda cliente la documentazione riepilogativa delle non conformità rilevate con le soluzioni suggerite per risolvere i casi di inaccessibilità.


A livello di progetto complessivo; una volta rilasciata la documentazione, viene organizzata l’attività di Remediation con l’obiettivo di correggere le non conformità. A seguito della Remediation, può essere infine previsto un secondo Assessment per validare le attività correttive.

SCRIVICI

Vuoi sapere se e quanto sono Accessibili i tuoi touchpoint?

Facciamo una valutazione insieme per definire i prossimi passi da compiere!