Nuovo impianto di automazione per la movimentazione su trolley di capi appesi e stesi

in

Nel 2018 Gung è stata coinvolta nell’implementazione di un nuovo impianto di automazione per la movimentazione su trolley di capi appesi e stesi da una nota azienda italiana del lusso il cui nome, per motivi di riservatezza non verrà citato in questo caso di portfolio.

In questo progetto ci siamo occupati degli aspetti di integrazione tecnologica nei processi di implementazione degli impianti automatizzati ingaggiati da un’azienda di riferimento del mercato italiano nella realizzazione di Sistemi di Movimentazione Integrati per la Logistica Distributiva per il settore Abbigliamento, E-Commerce e Grande Distribuzione con cui Gung collabora da anni.

L’azienda cliente, in occasione della costruzione del nuovo magazzino, ha voluto implementare un impianto di automazione per la movimentazione dei capi appesi e stesi per rendere più efficienti le attività degli operatori di magazzino.

Grazie all’intervento sinergico di Gung e il Maincontractor, oggi l’azienda cliente dispone di un impianto automatizzato per effettuare le attività di magazzino in modo più efficiente.

Se anche tu senti la necessità di introdurre nuovi sistemi di automazione o di ottimizzare i processi logistici, contattaci per sapere come possiamo aiutarti.

Anno: 2018

Team di progetto: Tommaso Guerra – Senior Consultant; Gianni Straolzini – Project Manager; Gianni Minicozzi – Project Manager Junior

Categoria Servizio: Supply Chain

La situazione di partenza

L’azienda cliente intendeva passare da un impianto con movimentazione dei capi completamente manuale a un impianto con una forte componente automatizzata.

Al momento del nostro inserimento nel progetto, l’azienda realizzatrice dell’impianto aveva completato una prima versione CAD del layout dell’impianto basandosi sul processo previsto dal cliente.

I risultati

Grazie all’analisi in fase di progettazione dell’impianto, supportata da una documentazione costantemente aggiornata e al continuo reporting, abbiamo accompagnato l’azienda specializzata in Sistemi di Movimentazione Integrati e l’azienda cliente nello sviluppo dell’impianto, agevolando la loro comunicazione e consentendo la piena conformità ai requisiti indicati.

Oggi l’azienda possiede un impianto automatizzato per effettuare le attività di magazzino in modo più efficiente e preciso, dotato degli strumenti per monitorarne l’esecuzione.

L’azienda realizzatrice dell’impianto possiede il set documentale sul quale può basare la manutenzione dell’impianto automatizzato ed eventuali implementazioni future.

Le attività svolte da Gung

Abbiamo supportato l’azienda partner in tutto il processo di implementazione dell’impianto automatizzato, sia in termini di gestione progettuale, sia di integrazione tecnologica che comprende: lo sviluppo delle logiche dell’impianto per adeguarle ai processi dell’azienda cliente; la definizione della modalità di dialogo tra il PLC che gestisce l’impianto automatizzato e il WMS dell’azienda cliente; la descrizione della modalità di interazione uomo-macchina.

La sfida principale è stata agevolare la transizione da un utilizzo dell’impianto completamente manuale a un utilizzo a stretto contatto con la componente automatica:

  • in fase di progettazione dell’impianto, abbiamo realizzato un set documentale per permettere al cliente di avere una visione concreta della futura soluzione e per condividere con maggiore consapevolezza le regole necessarie per il corretto funzionamento dell’impianto. Abbiamo prodotto documenti diversi in base allo scopo: documenti descrittivi dell’interazione uomo-macchina e mockup per la simulazione dell’interfaccia grafica dell’applicazione.
  • in fase di test, abbiamo definito i test case, supportato la loro esecuzione e introdotto un processo di reporting costante, condiviso con l’azienda partner e l’azienda cliente, per allineare tutti i partecipanti sull’avanzamento del progetto.

Il requisito fondamentale dell’impianto di movimentazione era mantenere l’integrità dell’unità di lavorazione: sulla base della regola e del layout dell’impianto, abbiamo definito delle logiche ad hoc in due aree specifiche, Controllo Qualità e Outbound, per garantire l’efficienza delle attività previste nelle due aree.

Per l’area di Controllo Qualità era necessario fare in modo che gli operatori ricevessero i prodotti di una stessa unità di lavorazione per poter effettuare sempre lo stesso tipo di controllo, e per evitare che la postazione diventasse eccessivamente piena. Abbiamo quindi definito delle regole di gestione delle postazioni per controllarne lo stato di riempimento: le informazioni vengono mostrate all’operatore sull’applicazione di gestione dell’area.

Per l’area di Outbound era necessario fare in modo che i capi facenti parte della stessa unità di lavorazione venissero preparati per la spedizione: abbiamo quindi definito le logiche con le quali i capi dovevano essere posizionati nelle linee di buffer. Anche in questo caso, l’applicazione da noi progettata permette all’operatore che gestisce l’area di Outbound di controllare le unità di lavorazione nelle linee di buffer pronte per la spedizione, e di richiamarle in base alle priorità verso la baia di carico.

In entrambi i casi abbiamo realizzato il mockup dell’applicazione per:

  • permettere al cliente di avere un’idea chiara del risultato finale e per condividere le informazioni principali da mostrare
  • fornire agli sviluppatori la bozza grafica sulla quale basarsi per la sua realizzazione.

Ti potrebbe interessare anche:

SCRIVICI

Vuoi introdurre nuovi sistemi di automazione e ottimizzare i tuoi processi logistici?

Facciamo una valutazione insieme per definire i prossimi passi da compiere!